Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Salvate Castelli dalla sua miopia culturale

La Calabria, come ognuno sa, è una terra con molti problemi. Ma l’essere terra con molti problemi, l’essere regione di ‘ìndrangheta, non significa affatto che tutti i calabresi sono disonesti, né che tutti i calabresi sono ‘ndranghetisti.
Questo luogo comune è ormai un alibi per chi, come Roberto Castelli, oggi viceministr leghista alle infrastrutture, non ha alcuna voglia di affrontare seriamente il problema. Trovandosi con la ‘ndrangheta in casa, a volte a stretto contatto con le amministrazioni leghiste, Castelli non trova altro modo di affrontare un problema se non quello di indicare con il dito la pagliuzza e facendo finta di non vedere la trave.  Forse il viceministro pensa di risolvere con una dichiarazione fuori da ogni logica (come ormai siamo abituazti a sentire dai leghisti da un ventennio) tutti i problemi di infiltrazioni mafiose nelle opere pubbliche. ma ancora una volta ha dimostrato uno strabismo torvo e razzista  dimenticando che nelle valli e non solo sono i purosangue padani a cercare la ‘ndrangheta e non viceversa.