Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Giovanni è uomo di pace, a Reggio Calabria la claque per il boss Tegano catturato

C’erano più di cento persone, parenti, gente comune, molti giovani e anche alcuni bambini, ad attendere Giovanni Tegano fuori dalla Questura di Reggio Calabria. Una claque che ha applaudito il boss, arrestato lunedì, dopo 17 anni di latitanza. La piccola folla ha invaso martedì mattina il centralissimo Corso Garibaldi, bloccando il traffico, per salutare e «rendere omaggio» al boss della ‘ndrangheta. «Giovanni uomo di pace»: così è stato salutato il trasferimento di Tegano dalla Questura al carcere. Quindi gli applausi di parenti e conoscenti. Non si sono comunque registrati problemi di ordine pubblico: un cordone di poliziotti ha evitato qualsiasi contatto tra il boss e i suoi fan e subito dopo il trasferimento il gruppo di persone dinanzi alla Questura si è autosciolto. Giovanni Tegano, indossava un vestito di velluto verde e una camicia a quadretti. Agli indirizzi di saluto dei parenti ha risposto alzando la mano e con molta calma si è diretto verso l’autovettura che lo attendeva accompagnato da due agenti della Sezione Catturandi completamente mimetizzati. Per tutta la notte gli uomini della squadra mobile reggina hanno notificato a Giovanni Tegano oltre alla condanna definitiva all’ergastolo, anche numerosi provvedimenti restrittivi con una sequela di pesanti accuse tra cui omicidio, associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, usura, danneggiamenti. In mattinata gli inquirenti e i magistrati terranno una conferenza stampa per illustrare l’operazione.
[ad#co-9]