Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Calcio e mafia: non ci sono indizi archiviata la posizione del commercialista Rosano

La notizia è passata un po’ inosservata per via del periodo di vacanza ma è di quelle importanti perché hanno fatto discutere parecchio: il commercialista palermitano, revisore del conti del Comune di Palermo, Giuseppe Rosano esce dall’inchiesta di mafia che ha coinvolto l’avvocato Marcello Trapani (ogi pentito)  e l’ex dirigente del settore giovanile del Palermo calcio Giovanni Pecoraro: ambedue sono accusati di aver favorito gli affari della famiglia Lo Piccolo (il padre Salvo e i figli Sandro e Calogero). Nei confronti del commercialista la Direzione investigativa antimafia (in particolare i due magistrati Francesco Del Bene e Gaetano Paci) hanno chiesto (e il Gip Silvana Saguto ha concesso) l’archiviazione: i due pm hanno ritenuto del tutto infondate le contestazioni mosse a Rosano  perché manca “l’elemento psicologico del reato” da parte del professionista e in queste condizioni, ritiene l’accusa, ci sono da un lato “un ragionevole grado di certezza che l’imputato meriti il proscioglimento” e dall’altro il rischio di un dibattimento superfluo.

 Il coinvolgimento di Rosano era avvenuto, secondo quanto riportato dal Giornale di Sicilia, in un contesto in cui si ipotizzavano episodi di riciclaggio anche se  il reato attribuito al dirigente del Monreale calcio (Rosano appunto) era la fittizia intestazione di beni aggravata dall’agevolazione di Cosa nostra. Tutto ruota attorno alla società Petra management srl, acronimo di Pecoraro-Trapani, i due indagati, che di secondo lavoro facevano i procuratori sportivi. Pecoraro però non poteva figurare come socio dato che la Petra trattava i cartellini e gli interessi di giovani calciatori sul mercato e per lui, dirigente del settore giovanile, c’era dunque un’evidente incompatibbilità. Da qui la necessità di dare al vertice della Petra un’altra composizione. Rosano aveva così costituito la società assieme a Marcello Trapani, il 25 settembre del 2007, e la sua presenza, ha spiegato lo stesso avvocato,. Era legata a questioni di natura tecnica.[ad#co-9]