Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Caltanissetta, indagata per mafia Calcestruzzi spa

I pm della Dda di Caltanissetta hanno iscritto nel registro degli indagati la Calcestruzzi spa, l’azienda che fa parte del gruppo Italcementi, accusata di associazione mafiosa e falso in  bilancio. È la prima volta che un’azienda viene iscritta nel registro degli indagati per un reato di mafia. L’avviso di garanzia, per questo motivo, è stato notificato a Bergamo al legale rappresentante della società, Pierfranco Barabini.

Secondo il gip di Caltanissetta, la Calcestruzzi spa ha svolto attività di favoreggiamento nei confronti di Cosa nostra. Sono in corso perquisizioni in abitazioni e uffici, anche presso le sedi direzionali e gli impianti di produzione della Calcestruzzi Spa. Tra gli indagati emerge la figura di Giovanni Giuseppe Laurino, il quale, secondo gli inquirenti, oltre ad essere accusato di associazione mafiosa è risultato essere il riferimento della cosca di Riesi per la cura di interessi illeciti legati alla locale sede della Calcestruzzi spa. La Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta ha dunque disposto perquisizioni e sequestri di documentazione contabile presso la sede centrale dell’azienda a Bergamo e negli stabilimenti che si trovano in Sicilia e in Lombardia, e quelli relativi a documentazione bancaria detenuta in alcuni istituti di credito.

“Abbiamo applicato la legge 146/2006  – spiega il procuratore vicario di Caltanissetta Renato Di Natale – che impone di inviare l’avviso di garanzia per fatti di mafia all’azienda in cui ci sono soggetti coinvolti, appunto, in vicende mafiose.  Le responsabilità andremo a verificarle. Per adesso abbiamo un compendio probatorio molto vasto che va dalle dichiarazioni dei ollaboratori di giustizia, sia quelli risalenti al tempo sia gli ultimi, all’attività contabile e documentale oggetto di sequestro da parte della guardia di finanza e dei carabinieri e una attività di riscontro verificata da questi atti”.