Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mafia/ il postino di Provenzano vicepresidente di una coop antimafia


Bernardo Riina, l'uomo che recapitava i pacchi a Bernardo Provenzano e che aveva accesso nel covo del boss, era il vicepresidente di una storica cooperativa antimafia di Corleone, «L'Unione agricola», fondata cento anni fa dall'allora sindaco Bernardino Verro (nella foto) assassinato dalla mafia e ormai da anni ridotta a una sorta di circolo di agricoltori. La notizia, riportata oggi dal quotidiano La Repubblica, fa tornare alla memoria dell'ex sindaco Ds di Corleone, Pippo Cipriani, il fallito tentativo nel 2001, da parte del Comune, di acquistare l'archivio e la sede della coop. «L'attività della coop – spiega l'ex sindaco – è inesistente e per questo stava per essere liquidata. A noi interessava recuperare l'immobile semidiroccato e l'archivio. L'accordo con i vecchi vertici della cooperativa sembrava già fatto, quando fu eletta una nuova dirigenza e tutto si bloccò». «Non c'era nulla di economicamente valido da gestire – aggiunge Cipriani – l'interesse sta nella memoria di quel luogo, che ospitò tante assemblee contadine. Il nostro progetto era tutto concentrato a questo fine: l'esercizio della memoria. Proprio quello che la mafia vuole impedire».