Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Ecu Creative Lab

A Palermo Ecu Creative Lab, la sfida anticrisi dell’imprenditore Francesco Panasci

</span></figure></a> Uno dei convegni coordinati da Francesco Panasci
Uno dei convegni coordinati da Francesco Panasci

Si chiama Ecu Creative Lab ed è l’ultima scommessa dell’imprenditore palermitano Francesco Panasci che ha investito oltre 500mila euro per riqualificare un locale in un’area marginale seppur poco distante dal centro di Palermo. Una iniziativa nell’ambito del ventennale di Panastudio, il gruppo editoriale fondato da Panasci che spazia dalla TV all’editoria su Internet è con i produzioni a tutto campo: da quelle cine-televisive, a quelle discografiche, dall’editoria musicale, agli eventi musicali, artistici, e didattici, oltre che alla formazione professionale e alle attività di ricerca. Ed è una iniziativa, quella di Panasci, che vuole avere un alto carattere simbolico e culturale come dimostra il tema di uno dei convegni che venerdì 29 aprile hanno preceduto l’inaugurazione dei nuovi studi: gli ospiti si sono confrontati su “Crisi economica? Linee guida per ri-scrivere un’Opera imprenditoriale”.
Panasci ha colto l’occasione per dedicare un’intera giornata allo sviluppo economico, alle imprese, “alla voglia di crederci e alla Sicilia”. All’isola l’imprenditore palermitano ha dedicato Sicilia HD, progetto tecno-culturale. Ad oggi, prima e unica emittente “locale” in alta definizione d’Italia. I format prodotti in esclusiva sono: “I vespri”, “La tana del Lupo” Face to face, Notizie in corsa, ZeronoveunoTg, Iutubbe web e tv, oltre che una linea documentari dedicati alla Sicilia, approfondimenti, cronaca e attualità. Dal 2007 anche “Il Moderatore.it”, quotidiano popolare online disponibile su tutti i sistemi digitali attraverso un free-App scaricabile per android e mac: con il nome di “Panastudio”. Un ventennio di lotte e sacrifici ma anche di ottimi risultati e di grandi soddisfazioni.
Il convegno che Panasci si appresta a presentare vuole essere di stimolo e di forte provocazione, atto a scuotere gli animi degli imprenditori e ancor di più delle istituzioni coinvolte.
“Un invito rivolto a tutti gli imprenditori –commenta Panasci- che, in barba ad ogni crisi esistenziale, dovranno ancora una volta dimostrare di avere “coraggio”. Il coraggio di crederci. I nostri padri, cultori della vita di strada, ci hanno insegnato che quando si cade per un qualsiasi incidente di percorso, dobbiamo trovare la forza e il coraggio di rialzarci per riprenderci, con tenacia e determinazione, il tempo e le risorse perdute”.
“Riflettori accesi su cultura e turismo, per sviluppare nuove proposte imprenditoriali da presentare al governo nazionale e regionale, quest’ultimo se vorrà lavorare per il bene della Sicilia e con cadenza semestrale- aggiunge Panasci – per sconfiggere sette anni di crisi che hanno visto la morte di troppe imprese, attraverso uno strategic management” utilizzando gli applicativi e le tecniche in uso per i progetti europei.
“Fondamentale- continua il presidente di Ecu Creative Lab – fornire agli imprenditori, gli strumenti per continuare a credere nella loro attività, da questo la sinergia con le parti sociali e datoriali: le associazioni di Categoria tutte, Confindustria, l’Università degli Studi, gli Istituti di Credito e gli esperti di economia e sviluppo e di imprenditori di successo con l’obiettivo di redigere semestralmente un documento programmatico e di indirizzo da presentare alle istituzioni per un efficace supporto alle imprese del territorio”, conclude Francesco Panasci.